Migliori Tagliabordi a Batteria – Scelta e Recensioni

Stai cercando il migliore tagliabordi a batteria? In questa guida ti spiegherò quali sono i modelli più interessanti e come sceglierlo.

Hai la necessità di rasare l’erba lungo le scale o i vialetti, o ai piedi degli alberi? Allora non potrai fare a meno di un comodissimo taglia bordi, ovvero uno strumento ad alimentazione elettrica con un prezzo contenuto e ricco di vantaggi. Questo apparecchio permette di procedere ad un taglio piuttosto preciso delle bordature, rasando quell’erba che di solito impiegheresti ore per eliminare. Per via della sua agilità, infatti, il rasabordi riesce a muoversi fra gli ostacoli senza problemi, garantendoti un risparmio in termini di fatica davvero notevole.

Come funziona un tagliabordi a batteria

Per prima cosa, la sua struttura ricorda molto da vicino quella di un decespugliatore a batteria, diciamo in scala ridotta. Il taglia bordi, non a caso, è più compatto e più leggero, e ha anche un costo inferiore.

È stato progettato per lavori di maggiore precisione, quindi è adatto per giardini e piccoli appezzamenti di terreno, che richiedono la rifinitura delle bordature. Sappi che potrai usarlo per mille scopi diversi: dal taglio dell’erba in prossimità del vialetto o delle scale, fino ad arrivare alla pulizia degli angoli più difficili e seccanti da raggiungere.

Questo apparecchio appartiene alla famiglia dei tagliabordi elettrici, solo che non viene alimentato a cavo, ma attraverso una batteria montata direttamente sul corpo macchina. Vuol dire che non avrai fili tra i piedi, e che potrai spostarti liberamente e dove ti pare, senza avere limiti spaziali.

Di contro, la batteria rispetto al cavo impone un certo limite in termini di autonomia di lavoro, comunque elevata: si parla, infatti, di un’ora circa di utilizzo continuativo.

Com’è fatto il rasabordi a batteria

In primo luogo, troviamo la cosiddetta testa di taglio, ovvero la sezione che ospita le lame in plastica o il filo in nylon. Questi vengono fatti roteare ad alta velocità dal motore alimentato a batteria, ed è a loro che si deve la rasatura dell’erba. Il motore, per la cronaca, si trova proprio sopra la testa di taglio.

La testa e il motore vengono collegati all’impugnatura, dove si trova anche il pulsante per l’accensione. Considera che in certi modelli è presente una doppia impugnatura, comoda per svolgere il lavoro di rasatura dell’erba con maggiore comfort e più precisione. Il collegamento fra testa di taglio e corpo motore avviene tramite un tubolare in metallo.

C’è un altro componente incluso nella confezione, e si tratta del paracolpi in plastica. In pratica, questo accessorio va montato in prossimità della testa di taglio, e serve per garantire la sicurezza di chi usa il tagliabordi a batteria. Nello specifico, evita ai sassolini e ai pezzetti di legno alzati dalle lame o dal filo di sollevarsi e di colpire l’utilizzatore.

Ecco un piccolo riepilogo:

  • Corpo motore con impugnatura: spesso il manico è a pistola, dunque l’attivazione delle lame avviene premendo un apposito grilletto. Le impugnature possono essere due, e in cima troverai l’alloggiamento per montare la batteria.
  • Tubo di collegamento: è un semplice tubo metallico progettato per collegare il corpo motore alla testa di taglio. In alcuni casi è telescopico, quindi hai la possibilità di allungarlo o di accorciarlo, adattandolo così alla tua altezza.
  • Testa di taglio: come ti ho anticipato, questa testa ha un meccanismo rotante che ospita dei coltelli di plastica o un filo in nylon. Si attiva semplicemente premendo il grilletto sull’impugnatura. Infine, sulla testa va montata anche la cappa paracolpi.

Prima di continuare, sappi che ci sono alcune info preziose da chiarire subito, e riguardano il filo in nylon. Sul mercato trovi 3 categorie: i fili che vanno estratti manualmente dal rocchetto, quelli semiautomatici e quelli automatici.

  • Alimentazione manuale del filo: una volta che si è consumato, dovrai tirar fuori dal rocchetto la sezione nuova del cavo in nylon, manualmente.
  • Alimentazione semiautomatica: in questi modelli basta poggiare la testa di taglio per terra, ed effettuare una leggera pressione. Questo fa scattare una molla che estrae la nuova sezione di filo.
  • Alimentazione automatica: l’apparecchio capisce da solo quando il filo è esaurito, e si occupa di tirar fuori la nuova sezione dal rocchetto, automaticamente. E fino a quando non si esaurisce il rocchetto, tu non dovrai fare nulla.

Migliori tagliabordi a batteria [RECENSIONI]

1. BLACK+DECKER GLC3630L20-QW Litio 36v-2.0Ah

Parto subito “col botto”, ovvero con un rasabordi top gamma, con tutta probabilità il migliore sul mercato. Questo apparecchio della Black & Decker, infatti, ha una serie di caratteristiche che lo rendono eccezionale. Intanto lo srotolamento del filo è di tipo automatico, quindi tu potrai lavorare senza doverti preoccupare di nulla. In secondo luogo, ha 2 modalità selezionabili: Turbo ed Eco.

  • Velocità di taglio: 6.500-8.500 giri al minuto
  • Ampiezza di taglio: 30 centimetri
  • Srotolamento del filo automatico
  • 2 modalità selezionabili: Turbo ed Eco
  • 2 funzioni: tagliabordi e bordatura
  • Durata batteria: da 20 a 40 minuti
  • Batteria e caricabatterie inclusi

La modalità Turbo mette… il turbo, dunque aggiunge potenza alla testa di taglio e la fa ruotare a velocità elevatissime. È una funzione perfetta per tagliare le piante con un gambo più duro e resistente. La modalità Eco, invece, punta al risparmio della batteria e ne prolunga la durata, ma riesce a tagliare soltanto gambi sottili, come gli steli d’erba. Per quanto riguarda l’autonomia, questa arriva in media a 40 minuti in modalità Eco (20 minuti in modalità Turbo).

Pur non essendo paragonabile ad un decespugliatore, ha una potenza eccezionale, ed è perfetto anche contro le sterpaglie più difficili. È vero che la batteria non ha una durata molto ampia, e che serve un’ora e mezza per ricaricarla, però compensa con le prestazioni da top gamma. Inoltre, acquistando una seconda batteria potrai risolvere questo piccolo difetto, avendo la certezza di poter lavorare per un’ora abbondante.

Altre info utili? Ha il manico telescopico, una larghezza di taglio da 30 centimetri, una doppia impugnatura e un motore che mantiene costante la potenza durante il taglio. In secondo luogo, ci sono 2 funzioni diverse (tagliabordi e bordatura) e il peso non è affatto eccessivo (circa 3,5 chilogrammi). Infine, questo tagliabordi a batteria della Black & Decker include sia la batteria, sia il caricabatterie.

PRO

  • Potenza eccezionale
  • Modalità Turbo ed Eco
  • Batteria e caricabatterie inclusi
  • 2 funzioni (tagliabordi e bordatura)
  • Manico allungabile
  • Doppia impugnatura (una è regolabile)

CONTRO

  • La batteria dura meno rispetto ad altri

2. BLACK+DECKER STC1840EPC-QW PowerCommand

Altro giro, altra corsa, altro gioiellino della Black & Decker. Questo rasabordi a batteria condivide alcune caratteristiche con il precedente, ma ne aggiunge addirittura altre. Ti parlo ad esempio della rotella per il taglio in modalità bordatura, e del pulsante Power Command, che serve per gestire lo srotolamento del filo. Inoltre, è molto potente e la confezione include sia la batteria, sia il caricabatterie.

  • Velocità di taglio: 5.500-7.400 giri al minuto
  • Ampiezza di taglio: 30 centimetri
  • Srotolamento del filo a pulsante
  • 2 velocità selezionabili
  • 2 funzioni: tagliabordi e bordatura
  • Durata batteria: da 30 a 60 minuti
  • Batteria e caricabatterie inclusi

L’autonomia arriva fino a 60 minuti circa, mentre la ricarica della batteria richiede un paio d’ore in totale. Per quanto concerne i dati tecnici, ha un raggio di taglio di 30 centimetri e un filo con spessore da 1,5 millimetri. Dunque abbastanza resistente e in grado di tagliare anche i gambi “difficilotti”. Come ti ho anticipato, l’alimentazione del filo di taglio è molto particolare: premendo l’apposito pulsante, il rocchetto ruota e fa uscire il filo, dandoti un controllo totale.

Sappi anche che puoi regolare la velocità di rotazione del filo, e che è presente una piccola ruota sulla testa di taglio. Questa funge da supporto quando usi il rasaerba in modalità bordatura, e ti consente una migliore precisione in fase di lavoro, proprio perché permette alla testa di scorrere sul terreno. Inoltre, l’apparecchio in questione ha un tubolare allungabile e una doppia impugnatura.

Io ho avuto la possibilità di provarlo e ti garantisco che le performance sono da urlo, così come la precisione del lavoro. Non è potente come un decespugliatore, ma in fondo non lo acquisti per quello, quindi è del tutto normale. Infine, sappi che non pesa molto e che la rifilatura dei bordi è facilissima con questo apparecchio. Di conseguenza, è adatto anche per gli hobbisti.

PRO

  • Potente e precisissimo
  • Rotella per modalità bordatura
  • Include batteria e caricabatterie
  • 2 velocità selezionabili
  • Manico telescopico
  • Doppia impugnatura (regolabile)
  • Buona durata della batteria
  • Totale controllo dell’alimentazione del filo

CONTRO

  • Prezzo leggermente superiore alle medie

3. Einhell GC-CT 18/24 Li P Power X-Change Con Lame

Se stai cercando un rasabordi a batteria economico e praticissimo da usare, la risposta è questo prodotto della Einhell. Non è perfetto, ma ha alcune caratteristiche notevoli, considerando il suo prezzo molto basso. Innanzitutto è un modello non a filo ma a lame, e in secondo luogo ha un’area di taglio di 24 centimetri. Inoltre, la confezione include la batteria a ioni di litio e il caricabatterie.

  • Velocità di taglio: 8.500 giri al minuto
  • Ampiezza di taglio: 24 centimetri
  • Modello con coltelli e senza filo
  • 20 coltelli di ricambio nel pacco
  • Durata batteria: 40 minuti circa
  • Batteria e caricabatterie inclusi

La velocità di rotazione arriva a 8.500 giri al minuto, quindi la potenza è piuttosto elevata, e permette ai coltelli di tagliare anche i gambi di media difficoltà. Considera però che le lame in plastica sono delicate, quindi devi fare attenzione a non avvicinarti troppo al marciapiede o al muro, perché potrebbero rompersi facilmente. Poco male, perché la confezione include anche 20 coltelli di ricambio.

Ottima la qualità dei materiali di fabbricazione, mentre la durata della batteria si attesta sui 40 minuti, quindi è in media. Inoltre, è un vero peso piuma, dato che non supera gli 1,7 chilogrammi, di conseguenza non stanca le braccia ed è facilissimo da usare. C’è anche la doppia impugnatura, per aggiungere ancor più comfort e precisione al lavoro. Infine, non ha il manico allungabile, ed è un difetto da sottolineare.

PRO

  • Prezzo molto economico
  • Buona durata della batteria
  • Batteria e caricabatterie inclusi
  • 20 coltelli di ricambio in dotazione
  • Elevata velocità di rotazione
  • Leggerissimo

CONTRO

  • Occhio a non colpire il marciapiede
  • Non ha il bastone allungabile

4. BLACK+DECKER ST1823-QW 18V-1.5Ah Taglio 25 cm

Ebbene sì: gira e rigira, si ritorna sempre dalla Black & Decker. Stavolta però ti presento un modello meno costoso, di fascia comunque medio-alta, con un raggio di taglio di 25 cm e con srotolamento del filo semiautomatico. In pratica, ti basterà poggiarlo per terra e fare una leggera pressione, per consentire al cavetto in nylon di alimentarsi. La potenza è di buon livello, e la batteria dura all’incirca 40 minuti (ma richiede 3 ore per ricaricarsi).

  • Velocità di taglio: 9.000 giri al minuto
  • Ampiezza di taglio: 25 centimetri
  • Srotolamento del filo semiautomatico
  • Supporto per bordatura verticale
  • Durata batteria: 40 minuti circa
  • Batteria e caricabatterie inclusi

A livello strutturale, troviamo tutte le peculiarità tipiche dei tagliabordi a batteria della Black & Decker: ovvero la doppia impugnatura, il manico telescopico e la guida che funge da supporto per la bordatura in verticale (fissa, dunque non a rotella). Lo spessore del filo è in media, da 1,5 millimetri, e la confezione naturalmente include caricabatterie e batteria. Infine, è ottimo per lavori di rifilatura su superfici di circa 500 metri quadri, e ha un rotore velocissimo.

Quali sono gli altri vantaggi? È facile da montare, piuttosto leggero e semplice da usare. Produce un po’ di rumore in più, rispetto ad altri apparecchi di questo tipo, ed è bene che tu lo sappia. Le prestazioni sono quasi sorprendenti, considerando che costa 50 euro in meno rispetto ai modelli professionali. In conclusione, un’ottima via di mezzo per chi vorrebbe risparmiare qualcosa, ma senza troppi sacrifici.

PRO

  • Ottimo rapporto qualità/prezzo
  • Supporto per bordatura verticale
  • Manico telescopico
  • Doppia impugnatura
  • Srotolamento del filo semiautomatico
  • Durata della batteria in media

CONTRO

  • Impiega diverse ore per ricaricarsi
  • È un po’ più rumoroso rispetto ad altri

Come scegliere il tagliabordi a batteria

1. Sistema di taglio

A questo punto avrai capito che esistono 2 sistemi di taglio distinti: i rocchetti con filo in nylon e i rotori con coltelli in plastica. Quali sono le loro caratteristiche?

  • Filo in nylon: in genere nei rasa bordi a batteria ha uno spessore di 1,5 o 1,6 mm, un prezzo più basso ed è ottimo per tagliare i gambi leggeri o di media durezza. Ricorda che può cambiare il meccanismo di srotolamento.
  • Sistema a coltello: le lame in plastica sono più dure e quindi più adatte per il taglio di piccoli arbusti. I ricambi però costano di più, e le lame tendono a rompersi se incocciano contro i muri e il marciapiede.

Inoltre, il filo può avere una sezione tonda (la più diffusa) o quadrata. La seconda è più resistente, si usura meno velocemente ed è perfetta per tagliare gambi leggermente più duri. Comunque è piuttosto rara nel campo dei rifilatori a batteria.

2. Srotolamento del filo

Come ti ho già anticipato, i modelli con sistema di taglio a filo possono avere differenti sistemi di srotolamento. Sicuramente saprai che il cavetto in nylon tende a consumarsi, per via del lavoro in fase di taglio, di conseguenza va alimentato. Ebbene, dal sistema dipende proprio il tipo di alimentazione del filo: dunque come si srotola dall’interno del rocchetto, uscendo dal foro.

Nei modelli di fascia alta il suddetto sistema è automatico, di conseguenza ci penserà il taglia bordi ad alimentare il filo quando si accorcia. Il sistema semiautomatico è simile: quando il filo si esaurisce, basta un colpetto per terra per farlo alimentare. In realtà io preferisco poggiarlo e fare una leggera pressione, per evitare di danneggiare il rotore, perché la molla che spinge il nylon si attiva ugualmente.

Il sistema manuale è… manuale: quando il cavo si consuma, devi allentare un perno che stringe il rocchetto, e tirare fuori il filo dal suo alloggiamento, per poi stringere di nuovo il perno. È piuttosto scomodo, ed è per questo che oramai non lo si usa quasi più nei modelli moderni.

3. Funzione di bordatura verticale

La funzione di bordatura verticale è presente soltanto nei rasabordi migliori, e permette di rifilare l’erba alzando la testa di taglio, in modo tale da far scorrere il filo in verticale e non in orizzontale. Questa modalità assicura una precisione strepitosa, e ancor più elevata se il supporto è a rotella e non fisso. Chiaramente è utile soprattutto per falciare l’erba in prossimità di un marciapiede o di un muro.

4. Altre caratteristiche importanti

  • Durata della batteria: di solito l’autonomia di un tagliabordi va da 40 minuti a 90 minuti. Dipende anche dalla velocità selezionata: se è possibile scegliere una potenza maggiore, questa inevitabilmente consumerà di più.
  • Modalità selezionabili: alcuni apparecchi ti permettono di scegliere fra 2 velocità o 2 modalità, come quella a risparmio energetico e la Turbo. Sono extra molto utili, perché rendono l’apparecchio più versatile.
  • Area di taglio: il raggio di taglio equivale al diametro che il filo “disegna” ruotando a velocità, dunque corrisponde all’area che è in grado di falciare. I valori partono da un minimo di 24 centimetri e arrivano ad un massimo di 30 cm. Più il raggio è ampio, più superficie copri con una singola passata.
  • Doppia impugnatura: una doppia impugnatura è comoda, perché ti consente di gestire meglio e con meno fatica l’elettroutensile.
  • Peso: sebbene siano quasi tutti più o meno leggeri, il peso può influire sulla tua resistenza. Ci sono certi modelli che, dopo circa 20 minuti, richiedono una pausa proprio perché più pesanti e difficili da reggere.
  • Tubo telescopico: il tubo telescopico è essenziale per adattare la lunghezza dello strumento alla tua altezza.
  • Testa di taglio orientabile: soltanto i modelli pensati per la bordatura verticale hanno una testa di taglio che può essere inclinata.

Rasabordi a batteria più venduti

crediti immagine articolo: bricoliamo.com/prodotti/giardinaggio/tagliabordi-a-batteria-blackdecker/

Ultimo aggiornamento 2022-09-29 at 21:29 / Link di affiliazione / Immagini da Amazon Product Advertising API

Lascia un commento