Miglior Bidone Inceneritore da Giardino – Scelta e Recensioni

Stai cercando il miglior bidone inceneritore da giardino? Leggi la mia guida, scopri le mie recensioni e le mie opinioni.

Questi bidoncini in acciaio possono diventare parecchio utili in giardino, dato che consentono di smaltire in modo legale lo sfalcio, l’erba tagliata, le piccole ramaglie e gli altri rifiuti verdi prodotti da azioni come la potatura. In sintesi, ti permettono di bruciare i rifiuti organici in tutta sicurezza, evitando dunque di produrre il classico falò, fra l’altro a rischio denuncia (ma su questo aspetto torneremo più avanti). Inoltre, potrai usare la cenere di legna come concime organico, per via del ricco contenuto di potassio.

Anche se in apparenza potrebbero sembrare degli accessori semplici, in realtà ci sono tantissime cose interessanti da dire e che dovresti conoscere.

Cos’è e come funziona un inceneritore da giardino

Si tratta di un “semplice” bidone, spesso in acciaio o alluminio zincato, dotato di coperchio e con una base solitamente a piedini, che lo tengono sollevato dal prato o dal pavimento. Sappi che la struttura cilindrica o rettangolare ospita dei fori, che consentono una migliore circolazione dell’aria, così da aumentare le temperature di combustione. Si tratta di un aspetto importante, in quanto una temperatura più alta dà la possibilità di bruciare lo sfalcio e le ramaglie producendo pochissima cenere e niente carbone (processo di pirolisi).

Nota: il contenitore potrebbe avere una capienza più o meno ampia. Si parte da un minimo di 80 litri circa fino a superare i 200 litri, se ti serve un inceneritore da giardino grande.

Anche il coperchio ha i fori, per un motivo: da un lato la protezione serve per evitare la fuoriuscita di scintille, dall’altro i buchi permettono una perfetta aerazione del bidone inceneritore, impedendo che i fumi possano accumularsi all’interno dell’accessorio. In altri termini, non solo è comodo e pratico da usare, ma anche particolarmente sicuro: dato che contiene le scintille, impedirà il rischio di appiccare involontariamente un incendio sul proprio terreno (con il pericolo che possa espandersi).

Prima di proseguire, ci sono altri dettagli che dovresti conoscere. I piedini, sollevando il bidone da terra, impediscono di surriscaldare il terreno, isolandolo dal calore prodotto in fase di combustione delle ramaglie. Inoltre, si tratta di un sistema green per smaltire i rifiuti verdi senza causare problemi all’ambiente. L’unico “difetto” è un pizzico di fumo che uscirà fuori dal coperchio, ma non sarà tale da infastidire i vicini, quindi rientrerà nelle disposizioni di legge previste in Italia.

Come scegliere il migliore? Le lamiere poco spesse costano meno, ma con il tempo possono deformarsi a causa del calore elevato, o arrugginirsi se le terrai incautamente fuori in balia delle intemperie e dell’umidità. Soltanto i modelli top gamma hanno una doppia camera interna, che impedisce allo strato esterno di diventare rovente, così da evitare scottature. Inoltre, in certi prodotti potresti trovare una griglia e un cassetto raccogli-cenere, ma nella maggior parte dei casi questa opzione è assente.

Migliori bidoni inceneritori da giardino [RECENSIONI]

1. Draper 53253 Acciaio Zincato 85 LT

Se non hai delle pretese eccessive e desideri andare al risparmio, ma senza sacrificare la qualità, allora ti consiglio questo bidone della Draper. Ha una forma cilindrica e una capacità pari a 85 litri circa, dunque non è enorme, ma la capienza basta e avanza per poter incenerire foglie e ramaglie di dimensioni contenute. Il bidone è stato fatto in acciaio zincato, di conseguenza è in grado di resistere alla ruggine, e inoltre è molto leggero e quindi è facile da spostare in giro per gli spazi esterni.

  • Materiali: acciaio zincato
  • Capienza: 85 litri
  • Coperchio: in dotazione

Consente di ridurre in cenere gli scarti vegetali, producendo poco fumo, a patto di usarlo per bruciare soltanto le sterpaglie secche. Le foglie ancora verdi o bagnate, infatti, potrebbero produrre parecchio fumo e cattivi odori, e questo causerebbe fastidi al vicinato. L’altezza complessiva è pari a 80 centimetri, compreso il coperchio (in dotazione) e i piedini, e il mio consiglio è di non riempirlo alla massima capienza, così da favorire la circolazione dell’aria tramite gli appositi fori situati sulla struttura.

Un altro pregio è la presenza delle maniglie, ma ricordati di fare molta attenzione e di non toccarle mai a mani nude e senza guanti quando il bidone sta bruciando, perché diventano incandescenti. Naturalmente lo stesso discorso vale per il cilindro in generale. In altre parole, ci troviamo di fronte ad un modello economico ma ricco di pregi, sebbene non sia il più robusto in assoluto, ma a questo prezzo è praticamente impossibile trovare di meglio. Infine, i piedini lo sollevano da terra e impediscono al calore di danneggiare il prato.

2. WerkaPro 10944 Zincato 4.4 KG 100 LT

Non farti intimidire dal prezzo, perché il WerkaPro è un inceneritore da giardino più robusto rispetto alle medie e con una capienza piuttosto ampia, pari a 100 litri. Si tratta di un bidone in acciaio zincato resistente alla ruggine, dunque utilizzabile in esterna senza per questo dover temere l’umidità, e con i canonici fori per l’aerazione. Non è leggerissimo, ma 4,4 chili non sono sufficienti per impensierirti o per causare alcun tipo di problema in sede di trasporto o di spostamenti.

  • Materiali: acciaio zincato
  • Capienza: 100 litri
  • Coperchio: in dotazione

È un ottimo prodotto, ideale per bruciare le foglie secche, le ramaglie, gli scarti della pota e qualsiasi altro rifiuto organico, oltre ovviamente alla carta. È chiaro che non potrai utilizzarlo per la spazzatura domestica, ma questo vale per tutti i bidoni in circolazione, visto che la legge non lo consente. Produce una cenere molto fine che potrai sfruttare come concime naturale per il prato, dato che è ricca di elementi nutritivi come il potassio. Sappi che nella confezione troverai anche il coperchio con cono di uscita per il fumo.

Nota: c’è anche una versione più piccola, il WerkaPro con capacità da 75 litri, ma le altre caratteristiche sono le medesime.

La qualità strutturale di questo bidoncino è ottima, e la presenza del coperchio con cono di uscita impedisce alle scintille di scappare in giardino, con il rischio di appiccare incendi. In secondo luogo, il WerkaPro va maneggiato con attenzione perché tende a diventare rovente durante l’uso: è dotato di manici che facilitano il trasporto, ma anche questi diventano bollenti, quindi occhio quando lo afferri. Non mancano i piedini che lo tengono sollevato dal terreno, e produce poco fumo.

3. Profit Garden Boa di Fuoco Zincato 90 LT

Questo bidone inceneritore da giardino della Profit Garden riesce ad unire due qualità insieme: non ha un prezzo esorbitante ed è di ottima fattura, pur avendo qualche piccolo limite. Lo spessore della lamiera zincata non è molto ampio, quindi conviene evitare di usarlo per molte ore di fila, e inoltre se lo lascerai all’aperto è probabile che compariranno delle macchie di ruggine. Si tratta comunque di limiti spesso presenti nei bidoni con un costo al di sotto dei 100 euro, proprio perché low cost.

  • Materiali: acciaio zincato
  • Capienza: 90 litri
  • Coperchio: in dotazione

Ha una capienza mediamente ampia, corrispondente a 90 litri in totale, mentre la struttura è classica: troviamo infatti un bidone cilindrico dotato di fori per l’aerazione, e un coperchio in dotazione con cono che funziona a mo’ di canna fumaria. Produce poco fumo ed è perfetto per i giardini, è piuttosto leggero e facile da spostare, ed è ottimo per bruciare lo sfalcio, le foglie secche e i rami di piccole dimensioni. I fori sono utili in quanto accelerano la combustione dei rifiuti, e sono presenti i piedi che lo sollevano da terra.

Il coperchio naturalmente impedisce la fuoriuscita delle scintille, così da evitare il rischio che possa divampare un incendio. Sono presenti anche i manici, ma ricordati sempre di maneggiarli indossando i guanti, dato che diventano incandescenti, proprio come la superficie del bidone. In secondo luogo, potrai usarlo anche per bruciare la carta, e sappi che produce soltanto cenere e mai carbone, per via della combustione pirolitica e per l’ottima aerazione consentita dai fori sul cilindro.

4. Nature Inceneritore Acciaio Zincato

Ecco un altro inceneritore a bidone che potrai usare in giardino per sbarazzarti delle foglie secche, delle ramaglie e dello sfalcio. Pur non essendo specificata nella scheda tecnica, la capienza dovrebbe aggirarsi intorno ai 100 litri circa, basandosi sulle dimensioni del barile. Inoltre, ha una struttura in acciaio zincato dotata di una buona robustezza, sebbene la lamiera come sempre non sia particolarmente spessa. In sintesi, è ottima perché si riscalda velocemente, ma non ti conviene lasciarlo fuori in balia delle intemperie.

  • Materiali: acciaio zincato
  • Capienza: 100 litri (non specificato)
  • Coperchio: in dotazione

Il bidone ha i consueti piedini che lo sollevano da terra, per evitare di “accalorare” il prato, e le maniglie laterali per trasportarlo in tutta comodità. Maniglie che ovviamente diventeranno roventi durante l’uso, dunque ricordati di indossare sempre un paio di guanti appositi prima di toccarlo quando brucia. In dotazione troverai anche il coperchio, con il classico cono per la dissipazione del fumo, mentre la struttura del bidone ha i tradizionali fori che accelerano la combustione del materiale, aiutando a incenerirlo.

Ricordati sempre che la cenere può diventare un prezioso alleato per la concimatura del prato, dato che quella prodotta dalla combustione del legno è ricca di potassio. Inoltre, il bidone in questione rispetto ad altri modelli ha 4 gambe e non 3: un dettaglio importante da considerare, visto che migliora la stabilità complessiva della struttura. In conclusione, pur avendo un prezzo leggermente superiore alle medie, ci troviamo di fronte ad un modello che merita una chance.

5. Feuerhand Pyron Acciaio Spazzolato

Se puoi partire da un buon budget, e se stai cercando la Ferrari degli inceneritori da giardino, allora ti suggerisco questo modello della Feuerhand. Il Pyron può infatti contare su alcune caratteristiche uniche, come la doppia camera che isola l’interno e che permette allo strato esterno in acciaio di mantenersi freddo come il ghiaccio, impedendo così qualsiasi scottatura fortuita. Ci tengo a precisare sin da subito il suo unico difetto: non è provvisto di coperchio, da acquistare a parte.

  • Materiali: acciaio spazzolato
  • Capienza: non specificato
  • Coperchio: assente

Rispetto ad altri modelli di bidone inceneritore, questo ha una griglia interna e un comodo cassetto raccogli-cenere. In sintesi, la raccolta della cenere viene facilitata, e a mio avviso si tratta di una caratteristica che giustifica il prezzo alto del Pyron, insieme alla doppia parete isolante. In secondo luogo, il bidone non è in lamiera zincata ma in acciaio spazzolato: vuol dire che durerà una vita, data la robustezza nettamente superiore ai modelli low cost. L’acciaio spazzolato, infatti, non si arrugginisce né si deforma a causa delle elevate temperature.

Nota: non ha il coperchio, ma puoi comprare una piastra per grigliare ottima anche per questo scopo, sebbene sia abbastanza cara.

La struttura include anche tre piedi di supporto, che alzano il bidone da terra e che danno dunque la possibilità di preservare la salute del prato. Non è un inceneritore economico, ma si tratta di un prodotto che offre delle opzioni assenti in tutti gli altri. Purtroppo l’assenza del coperchio è un limite che incide sulla valutazione finale, ma puoi comprare la piastra della Feuerhand per trasformarlo in una sorta di barbecue.

Come usare correttamente un bidone inceneritore?

Per prima cosa, sappi che questi accessori (noti anche come boa di fuoco) vanno usati esclusivamente per bruciare i rifiuti organici, oltre alla carta. Non possono essere invece sfruttati per la combustione della spazzatura domestica, perché in quel caso commetteresti un reato. In realtà c’è chi usa la boa di fuoco anche per creare atmosfera in giardino di sera, o per gustarsi marshmallows e salsicce. Personalmente non l’ho mai usato per questo, ma tant’è.

1. Posizionamento

Il mio consiglio è di posizionarli al riparo dal vento, per evitare che i fumi prodotti possano “viaggiare” fino ad arrivare a rompere le scatole ai vicini. Inoltre, per una questione di sicurezza, conviene sempre utilizzarli lontano dai cumuli di foglie secche sul giardino, per evitare che possa scappare una scintilla e scatenare un incendio. Io ti suggerisco di sistemarlo in una zona con sola terra, scongiurando il contatto con l’erba, perché comunque il calore (anche se ridotto dalla struttura sopraelevata) potrebbe danneggiare il prato.

2. Gestione e riempimento

Sappi che la superficie del cilindro diventa rovente, di conseguenza non azzardarti a toccarlo senza indossare gli appositi guanti di protezione. Lo stesso discorso vale ovviamente per i manici, se presenti, dato che si surriscaldano e possono provocare una brutta ustione. Considera inoltre che un bidone inceneritore da giardino non va mai riempito alla massima capienza, e che conviene fermarsi a metà circa. Una volta che lo avrai acceso, non dimenticarti di tenerlo sotto controllo e non lasciarlo mai da solo.

Inoltre, lo sfalcio e gli altri rifiuti organici non devono essere compattati, perché questo impedirebbe all’aria di circolare correttamente. Un altro consiglio? Si tratta di prodotti pensati per bruciare soprattutto foglie e rametti di piccole dimensioni, dunque non adatti per rifiuti più grandi. In quel caso ti conviene optare per qualcosa di più professionale, come nel caso di un trituratore per rami.

3. Altri consigli utili

Il coperchio è molto utile anche per una seconda ragione, oltre alla protezione: mantiene stabili le temperature interne del bidoncino, consentendo di trasformare i rifiuti in cenere. Ritornando in tema di sicurezza, nel dubbio ti conviene sempre avere accanto un bidone con acqua, in modo tale da poter agire immediatamente in caso di pericolo di incendio. Si tratta di una precauzione che in fondo non costa fatica, quindi conviene sempre adottarla. Ecco altri consigli che dovresti seguire:

  • Non bruciare mai rifiuti diversi come la plastica
  • Non bruciare materiale bagnato o ancora verde
  • Non avvicinare il viso sopra al coperchio
  • Bagna l’erba nei dintorni per evitare problemi
  • Non appesantirlo per evitare di sfondarlo
  • Se non c’è il coperchio, compralo sempre a parte e usalo
  • Non lasciarlo acceso per troppo tempo
  • Non usare mai combustibili diversi dal fogliame
  • Non lasciarlo all’aperto perché potrebbe arrugginirsi

Anche se i rischi sono molto ridotti con un inceneritore da giardino, è sempre il caso di seguire questi consigli per evitare qualsiasi problema. Come si suole dire, prevenire è meglio che curare.

Vantaggi e svantaggi degli inceneritori da giardino

1. Vantaggi

Il primo vantaggio è abbastanza chiaro: un bidone inceneritore ti consente di smaltire i rifiuti prodotti ad esempio dalla potatura, insieme alle foglie secche che cadono dagli alberi e via discorrendo. In questo modo ti facilitano il lavoro e ti eviteranno di dover eliminare in altro modo sacchi e sacchi di sfalcio. In secondo luogo, come ti ho anticipato ad inizio guida, la cenere di legna può essere usata come concime naturale, dato che è ricca di potassio, o può essere utilizzata con la tua compostiera domestica. Inoltre, per via del processo di pirolisi, non si verificherà la produzione di carbone.

Ricorda che un bidone di questo tipo riduce ai minimi termini il rischio di incendio, a patto di usarlo nella maniera corretta. Produce poco fumo dunque non causa fastidio ai vicini, ma soltanto se eviterai di usare combustibili chimici e se non brucerai materiali bagnati o ancora verdi. In quel caso il fumo e la puzza sarebbero tremendi. Inoltre, è sempre il caso di usarlo non sottovento, e di proteggere il bidone da eventuali raffiche. Infine, non entrando a contatto diretto col terreno, potrai usarlo anche sulle superfici bagnate.

2. Svantaggi

L’inceneritore non può essere usato per smaltire rifiuti come la spazzatura, o per bruciare rami pesanti o di diametro ampio. Inoltre, non potrai lasciarlo lì da solo a bruciare, ma dovrai tenerlo sempre sotto osservazione: un colpo di vento improvviso potrebbe infatti ribaltarlo, con il rischio che possa appiccare un incendio. Infine, ricordati che diventa rovente e che non puoi toccarlo con le mani nude.

Gli svantaggi sono comunque minimi, e possono essere annullati del tutto utilizzandolo nella maniera giusta e con un pizzico di dovuta attenzione.

Il bidone inceneritore è legale?

In materia di giurisprudenza entriamo in un argomento complesso, dove esistono più che altro delle linee guida da seguire. In sintesi, si possono bruciare i rifiuti organici nel proprio appezzamento di terreno, a patto che si tratti di quantità limitate, proprio per evitare il rischio di divampamento di incendi. Dunque il bidone in questione è ottimo, anche se opterai per un inceneritore da giardino grande, perché le quantità sarebbero comunque limitate.

In secondo luogo, è necessario che la produzione di fumo sia limitata (un po’ come accade con i barbecue), perché se infastidirà i vicini sarai passibile di multa. Anche da questo punto di vista il bidone, se usato correttamente, rientra appieno nei termini di legge, dato che produce pochissimo fumo. Inoltre, gli inceneritori da giardino contengono la cenere ed evitano che possa svolazzare in giro: anche questo è un punto a favore, perché la cenere che finisce nei terreni altrui a causa del vento è illegale.

Allo stesso modo, è importante che qualsiasi falò non produca tanto calore da arrecare danni o fastidi al vicinato, e con il bidone non si corre assolutamente questo rischio. Infine, ricorda che è reato qualsiasi attività di smaltimento rifiuti verdi se condotta da intermediario. In sintesi, non potrai usare il bidone per bruciare le sterpaglie di qualcun altro, a meno di non avere un’apposita autorizzazione.

La cenere di legna come concime

La cenere di legna può essere usata come concime, e si tratta di un ulteriore beneficio garantito dall’utilizzo di un bidone inceneritore da giardino. Questo perché contiene una buona quantità di nutrimenti per le piante come il potassio, il calcio, il fosforo e il magnesio, utili per favorire lo sviluppo delle nostre amiche verdi. Non a caso, l’utilizzo della cenere come concime è una pratica molto diffusa nelle coltivazioni biologiche, anche se carente di azoto e dunque poco adatta per ortaggi come i pomodori. In quel caso, infatti, andrebbe arricchita con altri elementi come l’humus di lombrico o il letame.

Inceneritori da giardino più venduti

crediti immagine: giuntialpunto.it

Ultimo aggiornamento 2021-10-17 at 12:24 / Link di affiliazione / Immagini da Amazon Product Advertising API

2 commenti su “Miglior Bidone Inceneritore da Giardino – Scelta e Recensioni”

Lascia un commento