Fioriera Verticale: Scelta, Tipologie e Recensioni

Le fioriere verticali sono un ottimo sistema per aggiungere vita e colore in casa, in balcone o in ufficio. Inoltre, se ne possono trovare diverse tipologie, da quelle in legno fino ad arrivare alle fioriere da esterno, fissabili alle pareti. Ci sono anche alcuni modelli di design, come le fioriere a scala, che possono essere collocate ovunque e in piena libertà.

I vantaggi delle fioriere verticali sono abbastanza semplici da comprendere: sono facilissime da usare e da installare, e consentono di aggiungere una marcia in più allo stile e all’arredo dei nostri spazi domestici. Inoltre, sono delle alleate fantastiche per chi ama il giardinaggio, ma non ha lo spazio sufficiente per dare libero sfogo al proprio pollice verde.

Infine, queste opzioni consentono di coltivare qualsiasi piccola pianta, dalle erbette fino ad arrivare alle spezie e agli ortaggi. Se anche tu stai valutando la possibilità di arricchire i tuoi ambienti in casa con una di queste fioriere, ti consiglio di leggere la mia guida e le mie recensioni.

Fioriera verticale: tipologie e caratteristiche

Le caratteristiche di base di una fioriera verticale sono facili da comprendere. Ci troviamo infatti di fronte a modelli che si estendono verso l’alto, sfruttando la verticalità, e consentendoci dunque di risparmiare centimetri preziosi sulla superficie calpestabile. Non a caso, vengono spesso scelte come fioriere da balcone, ma possono essere facilmente collocate anche nei piccoli giardini, in soggiorno o in corridoio.

Come ti dicevo, ci sono diverse tipologie di fioriera verticale, ognuna con le sue peculiarità uniche, e meritano un piccolo approfondimento.

1. Supporti a parete

I supporti per piante a muro sono fra le soluzioni più diffuse in assoluto. Questi modelli sono perfetti per la coltivazione di piccole erbe, spezie e piante commestibili, o per collocare dei vasi con i fiori. Spesso venduti in set di più pezzi, possono essere installati a diverse altezze e spostati all’occorrenza. Inoltre, di solito sono realizzate in plastica o legno massiccio: la seconda soluzione, ovviamente, è la migliore per quel che riguarda il design.

I supporti in questione possono dunque diventare un must anche in termini di arredo ed eleganza, ma senza mai rinunciare alla loro praticità. Gli scaffali sospesi in legno massiccio, inoltre, possono reggere un peso notevole senza versare una sola goccia di sudore, e c’è addirittura chi si sbizzarrisce creando delle autentiche composizioni artistiche con questi supporti.

2. Scaffali porta-piante

Anche le mensole per piante sono molto popolari nella categoria delle fioriere verticali, e possono essere collocate ovunque, dai balconi alle terrazze. Questo tipo di fioriera è solitamente realizzato in plastica, metallo o legno, e può avere diversi scaffali a disposizione. Il legno massiccio, ancora una volta, consente di sfruttare una tolleranza in termini di peso massimo elevata, intorno ai 10 kg per scaffale.

Vincono innanzitutto per la loro stabilità e per la loro bellezza ma, al contrario dei supporti sospesi, devono essere appoggiati sul pavimento e dunque occupano un po’ di spazio sulla superficie calpestabile. Di contro, rappresentano una soluzione magnifica per chi desidera esporre le proprie piante e creare un’atmosfera verde e di design. Infine, a seconda del tipo di materiale, gli scaffali possono essere usati sia all’interno che all’esterno.

3. Fioriere a scala

Le fioriere a scala sono un’altra opzione creativa ma al tempo stesso con un bel pizzico di tradizione. Di solito sono realizzate in legno, ma si possono trovare anche alcuni modelli in plastica ABS o in metallo. Inutile specificare che il legno massiccio rappresenta la soluzione migliore in assoluto, sia come robustezza che come impatto estetico.

Queste fioriere consentono di collocare diversi tipi di piante, da grandi vasi con fiori a piccole erbe e spezie. Essendo pieghevoli, possono essere chiuse e spostate in giro per la casa o il balcone con una facilità disarmante. La capacità in termini di peso tollerabile si aggira intorno ai 35 kg, e la forma ad “A” consente di contare su un’eccellente stabilità della fioriera. Infine, spesso hanno un prezzo più accessibile rispetto ad altre tipologie di fioriere verticali.

4. Altre tipologie di fioriere

Diciamo che la fantasia è l’unico limite, e che i produttori negli anni si sono inventati alcune soluzioni sia classiche sia particolarmente innovative. Vediamo insieme alcuni esempi.

  • Fioriera verticale a carrello: una fioriera di design, compatta e con un impatto estetico davvero notevole. Si tratta di un vero e proprio carrello con ruote, quasi sempre in legno, con una serie di ripiani (di solito 3). Lo spazio tra i ripiani permette alle piantine di crescere serenamente, senza “intralciarsi” a vicenda.
  • Fioriera con vasi impilabili: una delle più economiche. In genere è realizzata in plastica, e vede la presenza di una base con carrello e di una serie di vasi che possono essere impilati a croce fra loro. Si tratta di una classica fioriera, pensata per chi ha poco spazio, e per chi vuole una soluzione poco costosa e facile da spostare.
  • Fioriere stand-alone: questa grande famiglia include tutte le fioriere verticali da poggiare sul pavimento, e con una serie di livelli sopraelevati sui quali posizionare i vasi oppure direttamente le piante. Dalle erbette aromatiche agli orti verticali, queste soluzioni possono ospitare praticamente qualsiasi piantina.

Una menzione speciale la merita la fioriera verticale con irrigazione automatica. Si tratta di modelli prettamente da interno, e alcuni sono addirittura dotati di modulo WiFi: in sintesi, come avviene per alcune centraline di irrigazione, possono essere gestite a distanza da smartphone.

Classifica delle migliori fioriere verticali [RECENSIONI]

1. Unho Fioriera Verticale a Scaffale 3 Livelli in Bambù

Ho deciso di iniziare da questa fioriera molto bella, appartenente alla categoria dei modelli a scaffale, anche se con una struttura a forma di “A”. Ha un ottimo rapporto fra qualità e prezzo, ed è dotata di 3 livelli sopraelevati, ognuno con la possibilità di sistemare svariati vasi. Si tratta di una fioriera ad esempio utilissima per poggiare le piante grasse, ma in realtà può essere utilizzata in mille modi differenti.

La struttura è molto solida, in legno di bambù, il che la rende leggera allo stesso tempo. Inoltre, la sua verniciatura ti consente di utilizzarla sia all’esterno che all’interno della casa, senza alcun tipo di problema in quanto resiste anche alle intemperie. Il design ricorda vagamente quello di una scala, e di conseguenza si tratta di una fioriera richiudibile, oltre che facilissima da spostare. In alternativa, potrai anche smontarla.

Ognuno dei tre livelli può tollerare un carico massimo pari a 15 chilogrammi, il che porta il totale a circa 42 chilogrammi. Inoltre, la struttura a doghe dei ripiani permette all’acqua di defluire senza ostacoli, in modo tale da evitare i pericolosi ristagni. Naturalmente la sua particolarissima forma ti consente di usare questo scaffale per metterci sopra la qualsiasi: potrai infatti usare la fioriera anche come scarpiera o armadietto.

2. Yaheetech Fioriera Stand-Alone Espositore 7 Ripiani

Ecco una bellissima fioriera stand-alone verticale. Non sarà particolarmente innovativa, ma può contare su una struttura pratica e intelligente, tanto da metterti a disposizione ben 7 ripiani da sfruttare collocando i tuoi vasi. La struttura è in legno massiccio, quindi riesce ad unire due fattori preziosi come la robustezza nel lungo periodo e la bellezza estetica. Anche in questo caso la fioriera può essere sistemata ovunque: in casa, in balcone, in terrazzo o in giardino.

Essendo stand-alone occupa comunque un po’ di spazio sul pavimento, ma questo le consente di contare su un’eccellente stabilità. I 7 ripiani sono suddivisi su 5 livelli differenti, creando un impatto estetico secondo me molto elegante. Ovviamente arriva a casa smontata, ma non è affatto difficile da assemblare: le istruzioni, difatti, sono piuttosto facili da seguire e chiare. Infine, come al solito, può essere usata per appoggiare qualsiasi oggetto, oltre alle piante.

Non è una fioriera pieghevole, però ha una serie di elementi di fissaggio molto robusti, il che ti permetterà di vivere sonni tranquilli. In secondo luogo, è al 100% in legno, senza rivestimenti o vernici tossiche, ed è stata trattata come detto per resistere anche all’esterno. La capacità massima di carico corrisponde a 30 chilogrammi, mentre il peso è pari a 4 chili circa. Bella e robusta, diventerà presto il tuo complemento d’arredo preferito.

3. Unho Fioriera a Scaffale Porta-Fiori in Legno 6 Ripiani

Ecco un’altra bellissima soluzione stand-alone per le tue piante e i tuoi fiori. Questa fioriera verticale si fa notare per alcune chicche molto interessanti, come la presenza di una base dotata di ruote, che ti consentirà di spostarla e di trasportarla facilmente e in tutta sicurezza, anche quando è piena. Inoltre, essendo in legno, si parla di una fioriera esteticamente molto pregevole oltre che robusta e stabile.

I ripiani sono 6, distribuiti su 4 livelli “a torre”, e la loro distribuzione permette di creare un effetto scenico davvero bello ed elegante. Inoltre, i ripiani e i supporto sono distribuiti in modo tale da non soffocare le varie piante: in sintesi, potrai sfruttare ogni piano senza per questo correre il rischio di privare le piantine della luce e dell’aria necessarie per il loro corretto sviluppo. Infine, le viti e le rivettature sono ben congegnate e molto solide e affidabili.

Il supporto in questione, per via della sua natura, è multifunzione: vuol dire che potrai utilizzarlo come scaffare per oggetti e complementi d’arredo vari, come espositore per oggetti da collezione e molto altro ancora. Inoltre, è facile da montare e – come detto – la presenza delle ruote aggiunge un extra secondo me molto prezioso. Infine, può essere utilizzato senza problemi non solo dentro le quattro mura domestiche, ma anche in balcone, in terrazza o in giardino.

4. Relax4Life Fioriera Verticale in Legno di Abete 6 Livelli

Chiudo con questa fioriera piuttosto classica, dunque con una struttura stand-alone priva di ruote. Essendo verticale, si estende “verso il cielo” su 6 livelli differenti, mettendoti a disposizione 7 alloggiamenti per le tue piantine. La struttura è molto solida e dimostra una stabilità di eccellente livello, per merito della qualità dei materiali impiegati. Non a caso, è stata realizzata interamente in legno di abete.

Le viti e i bulloni sono a loro volta di ottima qualità, cosa che contribuisce ovviamente alla stabilità della struttura. Inoltre, non è affatto difficile da assemblare e può essere usata senza problemi anche negli ambienti esterni, dai balconi ai terrazzi, fino ad arrivare ai giardini. La sistemazione dei ripiani consente alle piante di ottenere una perfetta esposizione alla luce del sole e all’aria, senza “ingorghi di traffico”.

Il suo design è molto elegante, minimal ma comunque di stile, avendo una forma geometrica semplice. Può diventare una fedele alleata per chi cerca uno scaffale solido e salva-spazio, per sistemare piante grasse, fiori, spezie e quant’altro. Il distanziamento fra le lamelle dei ripiani permette all’acqua di essere smaltita senza accumularsi, e ogni scaffale ha una tolleranza massima pari a 10 chilogrammi.

Quali sono le fioriere verticali più vendute?

Ultimo aggiornamento 2023-01-05 at 10:08 / Link di affiliazione / Immagini da Amazon Product Advertising API

Lascia un commento